Mostra 6 Risultato(i)

MEDIANITÀ

La medianità è molto di più rispetto al semplice trasmettere messaggi anche se, chiaramente, questa parte riveste una notevole importanza in quanto il medium dovrebbe dare ai viventi sulla terra la prova dell’esistenza del Mondo dello Spirito.

La medianità è anche uno scambio d’amore tra i due mondi: quello materiale e quello invisibile. Quando la medianità ha successo dovrebbe, infatti, essere un’esperienza bellissima anche dal punto di vista emozionale e la persona che il medium ha di fronte potrà confermargli di avere veramente sentito l’amore che le è arrivato da, per esempio, suo padre che si trova nel Mondo dello Spirito.

La medianità è anche una questione di guarigione: dovrebbe, infatti, toccare il vostro cuore portandovi anche la guarigione. Non importa quale tipo di medianità pratichi il medium, non importa se entri in trance o se trasmetta dei semplici messaggi, l’importante è che porti guarigione a tutti coloro che sono coinvolti nel processo medianico: la persona che riceve la seduta, il medium stesso e la persona del Mondo dello Spirito.

Se è stato fatto un buon lavoro come chiaroveggente il medium riuscirà persino a percepire il cambiamento nel campo aurico della persona che ha ricevuto la seduta.


La medianità è molto importante proprio perché assorbe tutte le energie e cambia il punto di vista sulla vita e sulla morte. Può anche cambiare il modo di pensare di ognuno di noi, possiamo vedere come il Mondo dello Spirito influisca sulla vita di tutti. È una meraviglia! Le nostre vite vengono modellate, ma tutto però accade attraverso il libero arbitrio. 

C’è un altro mondo che si amalgama con il nostro. È un mondo che vibra ad una frequenza diversa dalla nostra. Quando moriamo avviene semplicemente una trasformazione. Il nostro corpo fisico cessa di esistere. Per un qualche  motivo il corpo fisico viene meno a causa di una malattia, o di un incidente o magari per età avanzata. Perdiamo questo corpo fisico ma noi siamo molto di più di un corpo fisico!

Se ci guardiamo, che cosa siamo? Siamo intelligenza, siamo compassione, amiamo, abbiamo una personalità, abbiamo un carattere, abbiamo un potenziale, abbiamo ricordi, abbiamo sogni. C’è così tanto in un uomo! Tutto ciò non ci sta in una bara. L’anima sopravvive alla morte fisica!

Immagina che quando muori parti per un lungo viaggio. Per alcuni si tratta di un’avventura, perché credono ma non sono proprio sicuri di come sarà il  viaggio. Alcuni invece pensano che finisca tutto, ecco, è la fine. Non credere a questo perché in realtà c’è un altro mondo, un mondo di intelligenza, un mondo di pensiero. Quando da questo mondo ti muovi per entrare in quello, tutti i tuoi cari, la tua famiglia e i tuoi amici  che sono là sanno quando sarà il tuo momento per andartene e quindi ti aspetteranno. Non puoi perderti perché sei atteso e alcuni di loro ti verranno incontro per prenderti per mano, per aiutarti ad entrare in questa energia diversa, in questa vibrazione accelerata.

Quando raggiungerai questa destinazione, quale sarà la prima cosa che potresti voler fare? Cosa faresti se andassi via per una vacanza? Vorresti telefonare a casa oppure mandare una cartolina dicendo “il viaggio è andato bene, sono arrivato sano e salvo e mi mancate”. Puoi crederci o no, sono questi i messaggi che riusciamo a trasmettere noi medium.

Quando le persone muoiono sappiamo che sono in salvo e che stanno bene perché continuano ad amarci e sono tuttora interessate alle nostre vite. Questo non vuol dire che non sentono la nostra mancanza perché invece la sentono. Se a te manca qualcuno che ami molto, allora le probabilità che anche tu manchi a questa persona sono tante. Ma, vedi, non hai scelta, devi andare avanti senza questa persona e anche questa persona non ha scelta perché deve continuare senza di te. Tuttavia, non rimani senza di loro, perché durante tutta la tua vita ti renderai conto che torneranno a farti visita, solo per assicurarsi che stai bene, solo per provare a farti percepire la loro presenza.


La medianità è la capacità che ha una persona di fare da tramite tra il nostro mondo e le altre dimensioni.

Ogni essere umano ha doti medianiche ma il più delle volte non ne ha consapevolezza anche perché la medianità può esprimersi in diversi modi tipo sensazioni, sogni percezioni, visioni ecc. Altre volte invece viene rifiutata per timore. Il mondo dello spirito esiste e non si può dividere dal mondo della materia come due cose facenti parte di due realtà completamente distinte dato che l’una, la materia, è la manifestazione tangibile dello spirito.

La medianità dell’era moderna è nata all’incirca nella metà dell’ottocento, ma in realtà essa è antica quanto l’uomo, basti ricordare l’oracolo della Sibilla, il poema omerico dell’Odissea, dove Ulisse discende nell’ade per parlare con i defunti e tanti altri ancora. Molte persone  fraintendono la medianità relegandola al solo mondo dei defunti ma nel vero essa riguarda lo spirito nella sua complessità, cioè come manifestazione dell’intera creazione.

Essa è il mezzo per entrare in contatto con sfere superiori ed è una pratica seria e complessa, attraverso la quale è possibile intraprendere un percorso evolutivo.
Il medium è una specie di ricetrasmittente puntata verso l’infinito, è una persona particolarmente dotata, un complesso psicofisico estremamente sensibile, un individuo normale in cui sono intervenute condizioni particolari. Un fenomeno tipico della medianità è lo stato di trance. Questo termine vuol mettere in risalto il passaggio fra due o più differenti condizioni psichiche ed è traducibile col concetto di estasi. Possono esistere nel soggetto caratteristiche comuni al sonno ipnotico o a quello sonnambolico, dato l’allontanamento dal mondo delle sensazioni.

Ci sono due tipi di trance, la trance lucida in cui il soggetto mantiene uno stato di coscienza integrale o parziale, è il caso della maggior parte dei medium scriventi; e la trance profonda in cui interviene una modificazione totale della coscienza, è il caso in cui si producono i fenomeni più eclatanti, come la telecinesi, l’incorporazione, le materializzazioni, la levitazione ecc.

Molteplici sono i fenomeni prodotti dalla medianità, alcuni veramente straordinari, ma non è nella loro manifestazione il miracolo, ma nell’esternizzazione dello spirito racchiuso in un involucro chiamato uomo.


Poesia dedicata a chi ha perso una persona cara..

Dall’altra parte del sentiero

La morte è nulla

sono andato soltanto nella camera accanto.

Io sono io, voi siete voi,

ma quello che ero per voi, lo sono sempre ancora!

Chiamatemi sempre

con il nome che mi avete dato,

parlate con me come avete sempre fatto,

senza mai usare un modo diverso da quello solito

e non siate mai tristi,

continuate a ricordare

le occasioni nelle quali abbiamo riso insieme!

Ridete e pregate pensando a me,

che il mio nome sia evocato in casa

così come è stato sempre

senza nessun significato particolare,

senza la traccia di un’ombra di tristezza.

La vita significa quello che è sempre stato,

il filo non è stato interrotto …

Perché non dovrei più essere nei vostri pensieri?

Solo perché non sono più nel vostro campo visivo?

Non sono andato lontano …

sono soltanto dall’altra parte del sentiero.

(vecchia poesia tedesca)

LE CARTE DI MADEMOISELLE LENORMAND

M.lle Lenormand nasce ad Alençon, il 16 settembre 1768, anche se lei stessa affermava di essere nata il 27 maggio del 1772. Educata in convento, studia le lingue morte, il disegno, la pittura e la musica. Più tardi, dirà che già a quell’epoca prevedeva il futuro alle sue compagne. Voci non verificate dicono che da grande lei abbia avuto come clienti tanti personaggi celebri come: Jean-Paul Marat, noto dottore, fisico e giornalista dell’epoca, Robespierre e Louis Antoine de Saint-Just, uomo politico francese durante la rivoluzione, Giuseppina di Beauharnais, moglie di Napoleone, e lo stesso Napoleone. Si dice che abbia predetto, alla moglie del futuro imperatore, la ascesa al potere del marito. Altre voci la vedono, durante una seduta proprio con Napoleone, nel 1807, rivelare la sua intenzione di divorziare da sua moglie Giuseppina. Anche per questa predizione venne imprigionata, ma guadagno’ la sua fama in tutta la Francia, fama che la accompagnerà per il resto della sua vita

La stessa fama per la quale sono stati dedicati a lei diversi mazzi di tarocchi, che quindi prendono il suo nome: le Sibille Lenormand. Il primo venne pubblicato già nel 1828, rafforzando la sua fortuna e creandone per le molte giovani cartomanti che a lei si ispiravano

INTUITO

L’approfondimento delle capacità intuitive si rivela utile sia nella vita privata che nella vita professionale. «Sto prendendo la decisione giusta? Sto percorrendo la strada giusta? Sento che devo cambiare qualcosa.» Oppure ancora: «Perché non ho seguito la mia prima impressione?» «Sentivo che sarebbe andata così. Perché non ho avuto il coraggio di seguire ciò che sentivo?»

Sono domande, sensazioni, situazioni che ogni persona si pone molto spesso.

Per sviluppare il proprio intuito e soprattutto credere nel proprio intuito è fondamentale credere in sé stessi, avere una sana autostima, avere una personalità unica. L’intuito è infatti intimamente legato al rapporto che una persona ha con sé stessa, alla capacità di sentirsi e ascoltarsi.


Ci sono due tipi d’intuito:  «psichico» e «spirituale»

L’intuito «psichico» è innato, e spesso inconsapevole e spontaneo. A volte l’intuito si descrive come: «io so, ma non so perchè lo so». È vero, perchè ogni tanto non riesci a dare una spiegazione e a capire da dove ti è arrivata l’informazione e come l’hai percepita. Le intuizioni sono le sensazioni che trascendono la logica e sono spiegabili semplicemente con una frase: «Me lo sentivo». E tutti, anche i più razionali e scettici, devono ammettere che l’hanno detto almeno una volta nella vita. Se lo alleniamo come qualsiasi muscolo sarà possibile applicarlo in ogni momento della nostra vita per qualsiasi cosa sia nel lavoro che nella vita privata.

L’intuito «spirituale» appare quando siamo pronti a riceverlo. Quando abbiamo fatto un cammino spirituale e abbiamo lavorato tanto sulla nostra crescità interiore. L’intuito spirituale si manifesta quando intraprendi questo percorso, quando riprendi il tuo rapporto con la tua propria anima. Questo tipo d’intuito è consapevole. Lo usano spesso i guaritori, i chiaroveggenti, i medium…È un canale spirituale che ci collega con l’ Intelligenza Superiore.

 Esistono esercizi speciali per sviluppare l’intuito e le capacità extrasensoriali. Il senso di questi esercizi è di fare allenare le nostre vie delle percezioni, delle informazioni e dei messaggi intuitivi, aprire il canale spirituale e fare sì che la nostra voce interiore, il nostro sesto senso, ci parli sempre di più. 

Slavy Gehring

CHANNELING, CONTATTO CON LO SPIRITO GUIDA

Channeling è un termine inglese che significa “canalizzare” ovvero rendersi “strumento di Luce” per poter mettersi in contatto con “Intelligenze Superiori” come Spiriti Guida.

Attraverso il channeling si possono “leggere” in un secondo tempo, messaggi di alto livello spirituale e infinita saggezza. La nascita di ogni essere umano è assistita da Esseri di Luce che guidano le vite umane durante la loro esistenza.

Tutti possono sintonizzarsi e recepire I messaggi  della Guida di Luce. Attraverso il Channeling si ascolta propria Guida e le  sue vibrazioni. Il Channeling è un percorso per avvicinarsi alla nostra Supercoscienza e connetterci con la nostra parte più pura, la parte spirituale senza spazio e tempo, la nostra vera essenza.

Le Guide sono considerate come Entità ben definite che, vissute un tempo sulla Terra, hanno  ora il compito di aiutarci spiritualmente. Niente a che vedere però con lo spiritismo, in quanto questa pratica ricerca il contatto con le anime dei morti. Ci aiuteranno di conoscere meglio noi stessi e ripristinare un contatto con la nostra anima, il nostro vero Sé la nostra parte spirituale, la nostra Luce. 


Lo Spirito Guida è un essere di Luce al di là della catena delle reincarnazioni. È nello stesso tempo l’aspetto saggio del nostro Sé Superiore, in quanto a questo livello non siamo separati dal divino. Spesso per channeling si intende la possibilità di parlare con il proprio Spirito Guida attraverso il channeler (medium). Il consiglio dello Spirito Guida è un consiglio di Luce, che qualche volta non coincide con quello che si sarebbe portati a scegliere da soli, ma che sempre, se decidiamo di seguirlo, migliora la nostra vita cosìcome la vita delle persone che ci circondano.

Se stiamo attraversando un momento di particolare difficoltà nella vita privata o professionale, lo Spirito Guida ci indicherà il modo migliore per risolvere i nostri problemi. Soltanto non bisogna illudersi che sia tutto semplice: lo Spirito Guida ci mostra la strada, ma spetta a noi percorrerla.

Gli Spiriti Guida possono aiutare voi o un’altra persona in diversi modi:

– possono sanare fisicamente, emotivamente, mentalmente e spiritualmente;

– possono dare consigli riguardo a importanti decisioni della vita e allo sviluppo delle proprie capacità in generale;

– contattare una persona cara defunta per far sapere al congiunto in lutto che sta bene;

– aprire canali creativi;

– fornire aiuto per viaggi astrali;

– aiutare nella divinazione;

– mettere in contatto le anime gemelle;

– sperimentare le vite passate;

– trovare la vostra missione spirituale e il vostro scopo nella vita;


Gli Spiriti Guida possono decidere di apparirvi telepaticamente, parlandovi a livello mentale, oppure visivamente – in una forma che vi è famigliare – come essere umano o animale.

Di solito gli Spiriti “indossano” una forma che hanno avuto quando si trovavano nel mondo fisico o che sarà riconosciuta come archetipo, per esempio quella di un angelo o un saggio. La forma resterà costante in modo che quando vi si ripresenta sarà riconosciuto.

Ma una cosa è certa: quando siamo in presenza dello Spirito, proviamo sempre sensazioni di pace, di amore e di benessere, ed è questo che ci dà la certezza che si tratta proprio della nostra Guida.


SEDUTE PRIVATE DI CHANNELING CON SLAVY GEHRING


ALCHIMIA ESSENZIALE

I MAGICI OLI ESSENZIALI

Gli oli essenziali, presenti in molte piante ed estratti tramite distillazione o spremitura, hanno proprietà benefiche certificate dalla scienza da molti anni: azione antisettica, antibatterica, tonificante, rilassante e molti altri ancora. Io, Slavy Gehring, utilizzo soltanto oli essenziali puri e completamente naturali. Da solo l’olio essenziale, però, non basta. Per questo, con l’aiuto dei miei aiutanti dal mondo spirituale e attraverso alcuni rituali particolari, ho creato un mix di oli specifici a seconda delle necessità di ognuno: per l’amore; per la protezione e la purificazione; per stimolare la medianità e l’apertura dei canali extrasensoriali; per attrarre il denaro e il lavoro; per dare più energia al corpo e alla mente.

Seguendo le fasi lunari per ciascuno dei prodotti ed entrando in contatto con il mondo invisibile ho infuso tutto l’amore in quelle gocce profumate.

COMPRARE GLI OLI ALLO SHOP INTUIZIA


UTILIZZO DEGLI OLI “ALCHIMIA ESSENZIALE”:

Potete usare questi preziosi elisir nella vasca da bagno, nei diffusori per ambiente, metterne qualche goccia su un batuffolo di cotone e tenerlo sotto al cuscino, aggiungere qualche goccia negli oli per massaggi o nell’acqua per lavare il pavimento, potete creare un sacchettino profumato da tenere nella vostra borsa o potete prendere una delle mie medagliette porta olio imbevute di essenza da portare sempre al collo.

Durante i vostri rituali vi consiglio di utilizzare delle candele e di bagnarle con questo particolare olio essenziale. Mettete qualche goccia sulle vostre mani e passatele sulle candele prima dal basso verso l’alto e poi viceversa. In questo modo trasmetterete alle candele tutta la vostra energia.

Ciò che conta è sceglierne il giusto colore perché ognuno ha una propria vibrazione e influenza il rituale:

BIANCO: rappresenta la purezza, la pace e la spiritualità. Viene usato nei rituali di purificazione.

ROSSO: evoca la salute, l’energia, la forza, la virilità, il coraggio. Viene usato nei rituali amorosi.

ROSA: è associato all’amore romantico, all’affetto e all’amicizia. Viene usato nei rituali amorosi e di amicizia.

VERDE: rappresenta l’abbondanza, la fertilità, la fortuna e l’armonia. Viene usato nei rituali per attirare il denaro.

BLU: rappresenta la guarigione, la verità, l’ispirazione, l’alta saggezza, i poteri occulti, la protezione psichica. Viene usato nella meditazione.

VIOLA: è associato al successo finanziario, all’abilità psichica, all’idealismo e alla forza spirituale. Viene usato nella medianità.

Purificate lo spazio attorno a voi e scegliete, se lo ritenete opportuno, una musica che vi aiuti a rilassarvi. Entrate in uno stato mentale positivo. Riflettete sulla candela le vostre vibrazioni personali. Visualizzate il vostro successo e vedrete, così, avverarsi i vostri desideri.

ALCUNI CONSIGLI ED INFORMAZIONI A RIGUARDO DEGLI OLI ESSENZIALI

CARTE INTUITIVE DI SLAVY GEHRING

Le carte che ho creato sono ispirate al mondo della storia dell’arte. Si tratta di 62 carte che riproducono dettagli di opere d’arte di artisti del mondo intero e di tutte le epoche.

Sono uno strumento che aiuta le persone a sviluppare attivamente il proprio intuito e, più che rispondere a domande, introducono il linguaggio simbolico e intuitivo nell’analisi di determinate situazioni di vita.

La manifestazione dell’intuito è sempre legata a dei segni esteriori o interiori. In questo senso queste carte e il modo in cui sono state pensate rappresentano dei segni da leggere e da interpretare in base al proprio intuito.

L’interpretazione delle carte richiede una personalità solida e un dialogo attivo tra chi legge e chi ascolta, premessa indispensabile per far emergere l’intuito.

Tutte le persone possono sviluppare il proprio intuito: dipende dal tempo e dalle energie che si dedicano. Imparando a leggere le carte, la persona anzitutto diventa in un certo senso cartomante di sé stesso poiché sviluppa la sua parte intuitiva, una nuova sensibilità che le consente di introdurre una diversa dimensione nel modo di affrontare la vita e di confrontarsi con determinate situazioni.

L’interpretazione delle carte consente inoltre di avvicinarsi al mondo «extrasensoriale», fonte di grandi ispirazioni di vita.

Acquista le carte intuitive QUI


COME FUNZIONA

La persona descrive una situazione personale. Dopodiché cerca di formulare una domanda precisa. A questo punto vengono «tirate» tre o più carte in funzione della domanda e dell’obiettivo dell’incontro, ossia a dipendenza che si tratti di un problema specifico, molto circoscritto, o piuttosto di una visione generale sulla propria situazione.

Le carte che appariranno suggeriscono degli elementi importanti che arricchiscono la visione della situazione e i punti di vista. I simboli che appaiono vanno interpretati nel contesto specifico e in relazione tra di loro.

Il linguaggio simbolico e intuitivo non è infatti un linguaggio diretto: una rosa non significa sempre amore, un cavallo non rimanda sempre a un’attività sessuale. L’interpretazione dei simboli è sempre assolutamente legata al contesto.  

LE DOMANDE

Le “Carte intuitive” non predicono il futuro. Il loro scopo è quello di aiutare la persona a riflettere in modo diverso su una determinata situazione. Si possono porre domande per qualsiasi situazione: affettiva, lavorativa, relazionale. Per ottenere risposte occorre formulare delle domande precise e chiare: ciò implica una chiara descrizione della situazione.

Se una persona ad esempio sta vivendo una relazione statica, che non riesce a sbloccare, potrà formulare le seguenti domande: «Cosa sta bloccando questo rapporto, quali sono i principali ostacoli?» oppure «In che modo posso contribuire a sbloccare la situazione?» oppure «Quali sono gli elementi che devo considerare per trovare nuovi modi per sbloccare il rapporto?»

Il fatto di formulare una domanda in un determinato modo e di riflettere su come formularla è comunque già un grande inizio di chiarezza.

 Slavy Gehring